this is my logo :)

CuSO's Place

My ideas and something else




"Guerra e Pace"

- una poesia -

12/06/2022

7min

illazioni




intro

Visto l'articolo polemico di mercoledì oggi parliamo di guerra, un altro cancro inevitabile della società umana, per farlo, vi propongo questa poesia che dovetti scrivere per un compito di italiano.


Contesto storico culturale

Come credo sappiate, a circa 800km da qui c'è una guerra in corso. Come molte altre, a seguito dei primi conflitti armati, la mia scuola ha deciso di fare informazione e riempirci di compiti di "educazione civica" riguardo alla guerra. Uno di questi era appunto lo scrivere un elaborato generico esponendo la nostra concezione di guerra.
Questo elaborato poteva essere: una poesia, un testo argomentativo, una lettera o un dialogo.
Quel giorno dovevo essere particolarmente ispirato da Calliope dato che scelsi di scrivere una poesia... Beh in fondo nemmeno così tanto, visto che è composta da 2 versi con una varietà di 4 parole (io ed il monolinguismo di Petrarca andiamo a braccetto)
Ecco a voi la mia grande creazione:


guerra non è pace
pace è guerra


Ma cosa significa?

Dai ora che vi ho confuso abbastanza le idee vi lascio qui sotto la parafrasi della poesia che consegnsai alla prof insieme a queste 2 righe.


Parafrasi

La guerra è il manifestarsi dello scontro interiore che ogni essere umano porta dentro di sé, siamo educati ad una morale che implica prosperità e mutuo benessere; purtroppo il bell’ideale deve continuamente scontrarsi con il desiderio di possesso dell’uomo.
Ognuno di noi vuole sempre di più, siamo degli esseri insaziabili, quando l’Europa smise di soddisfare il nostro desiderio d’ambizione, passammo all’Africa, poi nemmeno quella ci bastò e navigammo verso il nuovo mondo, dall’America sentendoci aquile superammo le sfere celesti arrivando alla luna, dal satellite poniamo i nostri occhi sul rosso, dal pianeta della guerra alle altre galassie.
Vogliamo sempre di più, la nostra innata curiosità si tramuta in egoismo e possessivitá estrema verso mondi che non ci appartengono e che tentiamo invano di immaginare.
Noi “scusiamo” la guerra poiché essa termina sempre con una “pace-tregua”, durante la quale i conflitti terminano.

Ma cos’è la pace? La pace non é altro che un’illusione, noi abbiamo definito con questo nome l’azione collettiva di resistere ai nostri istinti primordiali e di “accontentarci”, ma come ben sappiamo ed abbiamo dimostrato per millenni, non tutti ci riescono… È la pace pertanto a scatenare la guerra, non la guerra a portare alla pace, questo finto equilibrio morale in cui tutti sono scontenti, e nessuno si sente in diritto di lamentarsi poiché chiunque “ha qualcosa in meno”, perciò ci fermiamo e “teniamo a bada” i nostri istinti.
Ma cosa succede rimanendo sempre insieme? Beh, è lapalissiano che l’essere umano interagisca con i suoi simili ed ovviamente espliciti il suo malcontento in cerca di compassione. Da qui il malcontento di un singolo può tramutarsi in “malcontento di coppia”, in seguito codeste persone potranno ampliare la cerchia fino ad arrivare a 4 individui malcontenti, da 4 ad 8, da 8 a 16, da 16 a 32 e così via… (questo ovviamente ipotizzando che ogni persona ne convinca solo una alla volta)
Arriviamo dunque ad un malcontento collettivo, esso può sfociare in manifestazioni popolari, atti vandalici organizzati o addirittura rivolta alle istituzioni locali. Purtroppo a causa della potenza dell’infosfera la rapidità con cui la “malattia del malcontento” si trasmette é inimmaginabile, ciò comporta che non vi possa essere una risposta repentina a quest’infezione mentale ma una “soluzione tamponante” una volta che il dado sarà tratto e la pace sarà oramai guerra.


Conclusioni

Ora che abbiamo fatto i depressini della GEN-z posso finalmente salutarvi e promettervi che la prossiam settimana torneranno articoli un po' più vivaci e meno polemici :)


Spero che questo articolo sia stato di vostro interesse e di avervi strappato un sorriso raccontando un pezzetto di me.
Per ora è tutto, leggi anche altri miei articoli: